.
Annunci online

Rubriche
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


8 novembre 2011
No name

Dolcissimo Amore Mio,

ti scrivo questa lettera- che non ti darò mai- prima di addormentarmi, perché il tuo pensiero sia quello che mi accompagni nel sonno e nel sogno. E' passato tanto tempo dall'ultima volta che siamo stati insieme, e a volte ho paura che il ricordo del tuo profumo, del tuo viso sbiadisca. La tua voce cambia colore dietro il suono metallico del telefono. Di quando mi parli, vorrei sentire i respiri tra le frasi; vederli avanzare e retrocedere nel tuo petto. Perché io, dei tuoi respiri vivo. Ci hai mai fatto caso? Io sì. Infatti quei respiri possono anche togliermela, l'aria. Perché i miei umori dipendono unicamente da te. Cosa mi hai fatto? Mi tieni nascosto che sei uno stregone, forse? A me puoi dirlo, sai, se fai gli incantesimi. Però ora dimmi: come fai a decidere con una parola, ogni momento, la mia vita? Perché se mi dici “amore”, mi sciolgo e diventa bello tutto. Se non me lo dici, sento come un cuscino che mi preme sulla faccia. Avanti, in quale sortilegio mi hai imprigionata? Aspetto una risposta. Aspetto, sì. Perché questa sera, vederti nello schermo e non poterti toccare è stato atroce. Avevo l'istinto di allungare la mano e di toccarti. Mi sarebbe piaciuto infilare le mani in quel rettangolo luminoso e tirarti fuori di lì, stringerti finalmente e baciarti; ascoltare il tuo odore e perdermi così, nella tua stretta per sempre.

Non lasciarmi Amore mio. Non lasciarmi mai andare via.

Io sto creando me stessa in funzione di te. A volte mi domando: ma io amo? So cosa significa? Credo di sì. Io amo te. E quando siamo insieme tremo sempre come all'inizio. Io non mi stanco sai? Vicino a te voglio tremare per tutta la vita. Tremare sotto il peso dei tuoi baci e delle tue urla. Lo so, lo so, non può essere tutto rose e fiori. Ma a me piace tutto di te.

Spesso immagino la nostra vita da sposati, il momento più bello della giornata, quando si va a letto. Allora io sono dalla parte destra e tu, uomo, sulla sinistra in segno di fedeltà e rispetto. Ecco, ho la lampada accesa perché sto leggendo un libro nell'attesa che tu venga. Sei in bagno e sento la tua pipì tuffarsi nel gabinetto con fragore e mi scappa un po' da ridere. Mi piace anche questo di te. Io ti prendo così come sei, tutto, e amo ogni tua pausa, intensità, riflessione. Poi arrivi e ti metti letto, e mi guardi. E io sprofondo. Sei vicino a me e questo è tutto quello che desidero. Sei vicino a me. Anche se abbiamo litigato e hai evitato per un soffio quel piatto che ti ho tirato addosso.

Mi guardi, mi prendi la mano e mi dici: “Amore”. Cinque lettere che mi si schiantano una dopo l'altra nel petto. E copriamo il rumore di quel piatto con mille e mille baci, perché tra noi non c'è niente che sia andato in frantumi, che non si possa scaldare con un bacio.

Sogni d'oro Dolcissimo Amore Mio.


Tua_


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Mia. Deliri.

permalink | inviato da Fionnulla il 8/11/2011 alle 11:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia
  




IL CANNOCCHIALE